NATURA MORTA CON STRUMENTI MUSICALI E.BASCHENIS


NATURA MORTA CON STRUMENTI MUSICALI E.BASCHENIS
  • Data25-08-2015
  • Categoria

Olio su tela, 75 x 108 cm 1660-1670 Accademia Carrara

Il dipinto Natura morta con strumenti musicali è datato all’incirca al 1660-1670 e si trova all’Accademia Carrara di Bergamo. 
Con il genere pittorico della natura morta, a partire dalla fine del ‘500, gli oggetti inanimati diventarono protagonisti assoluti della scena dipinta: non più funzionali all’abbellimento di interni borghesi, si verificò il loro affrancamento da un ruolo subordinato puramente decorativo fino a diventare indipendenti all'interno della composizione.

Baschenis è conosciuto soprattutto per le nature morte con strumenti musicali delle quali fu ideatore ma egli fu anche autore di tavole imbandite con frutta, cacciagione ed angoli di cucine.
Egli, da fine conoscitore musicale nonché musicista, nella sua produzione privilegiò la rappresentazione degli strumenti musicali a corda come liuti, chitarre e mandolini ritratti con la precisione derivante dalla conoscenza delle opere nordiche che gradatamente superò puntando sulla costruzione della spazialità attraverso gli oggetti. 
In questo dipinto, l’artista raffigura su un tavolo, 
in primo piano, due liuti ed un violino mentre in secondo piano si possono scorgere altri strumenti rappresentati di scorcio. La luce favorisce una unità di visione che varia di intensità a seconda dell'angolo d'osservazione. L’opera è fortemente illusionistica in ogni dettaglio, gli strumenti musicali alludono alla piacevolezza temporanea della musica, metafora della caducità della vita e del tempo che trascorrono inesorabilmente facendo depositare un velo di polvere sugli strumenti. La firma dell'artista la si può notare sul bordo del liuto, in basso a destra è riportato "Evaristus Baschenis P.Bergomi." La verosimiglianza naturalistica della composizione affascina l'osservatore che non può non compiacersi della maestria del pittore il quale certamente guardò al naturalismo di Caravaggio. Baschenis, si interessò soprattutto alla costruzione prospettica del dipinto, ai rapporti proporzionali tra i vari oggetti mentre messaggi di carattere moralistico sono presenti ma in modo discreto, sottaciuto. 




Potrebbe anche interessarti

  • Cristo Redentore Benedicente
    Cristo Redentore Benedicente

    (20-01-2018) - Opera

    Paper drop (Krischnamurti) II, 2007 Wolfgang Tillmans
    Paper drop (Krischnamurti) II, 2007 Wolfgang Tillmans

    (15-02-2017) - Opera

    Hoss 2003, Peter Zimmermann
    Hoss 2003, Peter Zimmermann

    (13-11-2016) - Opera

    LA MADONNA CON IL BAMBINO A.MANTEGNA
    LA MADONNA CON IL BAMBINO A.MANTEGNA

    (03-03-2016) - Opera

  • IL SARTO Giovan Battista Moroni
    IL SARTO Giovan Battista Moroni

    (17-02-2016) - Opera

    IL MARTIRIO DI S.PIETRO DA VERONA
    IL MARTIRIO DI S.PIETRO DA VERONA

    (30-03-2015) - Opera

    VEDUTA DI DELFT  J.VERMEER
    VEDUTA DI DELFT J.VERMEER

    (02-09-2014) - Opera

    Il Nilo, Giorgio Oprandi
    Il Nilo, Giorgio Oprandi

    (11-07-2018) - Evento
    Ubi Banca, Piazza Cavalieri di Vittorio Veneto 8 Bergamo

  • Manzù tra vita e opere
    Manzù tra vita e opere

    (06-06-2018) - Evento
    Palazzo della Provincia di Bergamo

    L'eredità di Caravaggio.
    L'eredità di Caravaggio. "Capolavori in luce"

    (12-05-2018) - Recensione
    Bergamo

    Picasso, De Chirico, Morandi
    Picasso, De Chirico, Morandi

    (09-05-2018) - Recensione
    Brescia, Palazzo Martinengo

    La moda incontra il surrealismo di Ignasi Monreal
    La moda incontra il surrealismo di Ignasi Monreal

    (07-05-2018) - Articolo

  • Luo Li Rong
    Luo Li Rong

    (17-04-2018) - Artista

    Raffaello e l'eco del mito
    Raffaello e l'eco del mito

    (19-03-2018) - Recensione
    GAMeC, Bergamo

    Esposizione della scultura
    Esposizione della scultura "Serendipity"

    (09-03-2018) - Evento
    Chiostro di Santa Marta, Ubi Banca Bergamo

    Dentro Caravaggio
    Dentro Caravaggio

    (13-01-2018) - Recensione
    Palazzo Reale, Milano



Commenti: 0







Lascia un commento

Dichiaro di accettare la Privacy Policy