GIOVAN BATTISTA MORONI E IL RITRATTO


GIOVAN BATTISTA MORONI E IL RITRATTO
  • Data21-08-2015
  • Categoria

IL RITRATTO NATURALISTICO DI MORONI

Giovan Battista Moroni durante la seconda metà del '500 fu una personalità centrale della pittura religiosa a Bergamo e provincia ma, in special modo, il suo nome è legato alla componente ritrattistica, genere al quale si dedicò in modo pressochè ininterrotto, dagli esordi fino al termine della sua carriera artistica.
Moroni si dimostrò impegnato nell'indagine introspettiva della persona ritratta e al contempo zelante nella riproposizione di abiti ed accessori. I suoi dipinti sono naturalistici, veritieri, dignitosi e privi di affettazione.
L'artista ritrasse la società del tempo ed i suoi principali committenti furono aristocratici, politici ed alti prelati ma ciò che lo contraddistinse in quel periodo dai suoi "colleghi" fu, come accennato sopra l'impronta naturale, l'evidenza delle qualità morali e psicologiche assegnate ai suoi ritratti privi dell'aspetto solenne e celebrativo che fino ad allora li avevano caratterizzati.

L'Accademia Carrara di Bergamo, conserva numerosi ritratti di esponenti del patriziato locale, prelati ed intellettuali di valore come la poetessa Isotta Brembati ,eseguiti prevalentemente a partire dagli anni cinquanta, il periodo più proficuo per il pittore. Gli anni sessanta furono anni bui per l'artista, che perse l'appoggio delle famiglie più influenti della città, coinvolte in una faida per la conquista del potere.
Moroni decise di far ritorno ad Albino, suo paese natale dove rimase fino alla fine del decennio. Protagonisti delle sue tele diventarono individui di modesta estrazione sociale, piccoli borghesi della provincia. Nacquero autentici ritratti di persone più comuni, effigiate con cura dei dettagli ed istantaneità espressiva. Il ritratto diventò in "azione", i soggetti vennero ritratti durante i gesti quotidiani del loro mestiere. 
L'artista bergamasco fondò la composizione dei suoi dipinti su gamme cromatiche prevalentemente costituite da  toni scuri, grigi e bruniti adottando la tipologia del ritratto a figura intera poco praticato dagli artisti suoi contemporanei.
Il termine naturale, utilizzato per qualificare i protagonisti dei dipinti, non potrebbe essere più appropriato: lo spettatore si trova di fronte a figure con pose disinvolte, prive di  distacco e  forme di idealizzazione come era accaduto per esempio in alcuni ritratti eseguiti da Raffaello e Tiziano.
Biografia
Giovan Battista Moroni nacque ad Albino nel 1520, fu allievo del Moretto a Brescia e soggiornò nel 1548 a Trento entrando in contatto con l'ideologia della Controriforma. Realizzò opere di carattere devozionale ma, la sua fama è dovuta soprattutto alla sua attività di ritrattista di aristocratici ma anche di artigiani e piccoli commercianti. Lavorò prevalentemente a Bergamo e provincia fino al termine della suo percorso artistico nel 1578.

Ulteriori Immagini

RItratto di Isotta Brembati Grumelli 1550-1555
RItratto di Isotta Brembati Grumelli 1550-1555

Olio su tela (55x 47 cm) Accademia Carrara
Isotta Brembati Grumelli, poetessa appartenente ad una illustre famiglia bergamasca è ritratta da Moroni in giovane età. Della gentildonna bergamasca esiste un secondo ritratto, sempre eseguito dal pittore, nel quale la donna è ritratta a figura intera, in età più matura.
In questo dipinto indossa una camora in velluto color porpora con decorazioni in oro mentre lo scollo sulle spalle è in tessuto trasparente, probabilmente pizzo, dotato di colletto.

Ritratto di Bernardo Spini 1573-1575
Ritratto di Bernardo Spini 1573-1575

Olio su tela (197,6 x 98,5 cm) Accademia Carrara
E' un ritratto in pendant con quello della consorte Pace Spini, entrambi commissionati per decorare la casa dei coniugi ad Albino. I dipinti presentano la medesima grandezza cosi come l'ambientazione entro cui sono collocati i soggetti.
Bernardo Spini, commerciante e uomo politico impegnato nella vita cittadina è raffigurato in abito elegante, con se porta una spada e mostra un atteggiamento altezzoso.  

RItratto di Pace Spini 1573-1575
RItratto di Pace Spini 1573-1575

Olio su tela (197 x 98 cm) Accademia Carrara
La nobildonna non sfoggia un ricco corredo ornamentale di perle ed ori, ma si presenta in modo semplice. Indossa un abito di colore rosso con allacciatura fin sotto il mento ed una sopravveste di colore nero con ampi tagli delle soprammaniche. 

RItratto di bambina di casa Redetti 1570-1573
RItratto di bambina di casa Redetti 1570-1573

Olio su tela (43,3 x 33,2 cm) Accademia Carrara
E' una donnina quella ritratta da Moroni in questa tela. Le fogge degli abiti infantili riprendevano quelle degli adulti. La bambina indossa una veste spagnoleggiante il cui tono ocra della soprana, la sopravveste, contrasta con il bianco della sottana la cui lucentezza fa pensare ad una stoffa in raso. Una piccola gorgiera incornicia il viso della fanciulla  che si mostra poco intimidita, fiera di posare per un ritratto.

Sei interessato/a all’arte, alle recensioni delle mostre, ad articoli su opere ed artisti?
Iscriviti alla newsletter, per poter essere aggiornato sulle mie nuove pubblicazioni.
Grazie.



Potrebbe anche interessarti

  • Luo Li Rong
    Luo Li Rong

    (17-04-2018) - Artista

    ALBERTO MELI
    ALBERTO MELI

    (18-12-2014) - Artista

    GIORGIO DE CHIRICO
    GIORGIO DE CHIRICO

    (15-09-2014) - Artista

    Il Nilo, Giorgio Oprandi
    Il Nilo, Giorgio Oprandi

    (11-07-2018) - Evento
    Ubi Banca, Piazza Cavalieri di Vittorio Veneto 8 Bergamo

  • Manzù tra vita e opere
    Manzù tra vita e opere

    (06-06-2018) - Evento
    Palazzo della Provincia di Bergamo

    L'eredità di Caravaggio.
    L'eredità di Caravaggio. "Capolavori in luce"

    (12-05-2018) - Recensione
    Bergamo

    Picasso, De Chirico, Morandi
    Picasso, De Chirico, Morandi

    (09-05-2018) - Recensione
    Brescia, Palazzo Martinengo

    La moda incontra il surrealismo di Ignasi Monreal
    La moda incontra il surrealismo di Ignasi Monreal

    (07-05-2018) - Articolo

  • Raffaello e l'eco del mito
    Raffaello e l'eco del mito

    (19-03-2018) - Recensione
    GAMeC, Bergamo

    Esposizione della scultura
    Esposizione della scultura "Serendipity"

    (09-03-2018) - Evento
    Chiostro di Santa Marta, Ubi Banca Bergamo

    Cristo Redentore Benedicente
    Cristo Redentore Benedicente

    (20-01-2018) - Opera

    Dentro Caravaggio
    Dentro Caravaggio

    (13-01-2018) - Recensione
    Palazzo Reale, Milano

  • Lorenzo Lotto. I capolavori della Santa Casa di Loreto
    Lorenzo Lotto. I capolavori della Santa Casa di Loreto

    (26-10-2017) - Recensione
    Bergamo, Palazzo Creberg

    Una villa di delizia locale: Palazzo Visconti di Brignano Gera d'Adda
    Una villa di delizia locale: Palazzo Visconti di Brignano Gera d'Adda

    (17-07-2017) - Articolo

    Da Hayez a Boldini
    Da Hayez a Boldini

    (03-04-2017) - Recensione
    Palazzo Martinengo, Brescia

    Celebrazioni per i duecento anni dalla morte di Giacomo Quarenghi
    Celebrazioni per i duecento anni dalla morte di Giacomo Quarenghi

    (08-03-2017) - Evento
    Biblioteca Civica Angelo Mai



Commenti: 0







Lascia un commento

Dichiaro di accettare la Privacy Policy