IL MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA ALBERTO MELI


IL MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA ALBERTO MELI
  • Data29-10-2014
  • Categoria

UN MUSEO DA SCOPRIRE

Bergamo e la sua provincia sono zone che riservano, con lo stupore di chi persino per anni ci vive e che non le ha mai approfonditamente visitate, testimonianze artistiche che sono un tutt'uno con la tradizione culturale di un paese. Luzzana, piccolo borgo della provincia di Bergamo, ne è un esempio. Qui vi è uno scrigno artistico costituito dal borgo medievale, il castello ed il Museo d' arte contemporanea Donazione Meli.
Quest' ultimo custodisce al suo interno gran parte della produzione artistica scultorea ed alcuni schizzi dell'artista bergamasco, di origine luzzanese, Alberto Meli. Lo spazio espositivo venne inaugurato nel 2003 ed è articolato in dieci sale, suddivise per aree tematiche, ognuna delle quali ospita le opere plastiche dello scultore ed una sezione dedicata ai dipinti della moglie Ester Gaini.
All'interno delle sale vi sono dei pannelli esplicativi che illustrano la biografia dell'artista ed altri che analizzano alcune delle opere esposte.
Lungo tutta la sua carriera artistica, Alberto Meli ha rivolto la sua attenzione a questioni che fanno parte dell'animo umano come la Genesi, l'Annunciazione e la Natività, la sofferenza rappresentata da una mirabile Via Crucis. L'artista con la sua arte ha riflettuto anche su altri temi a lui cari quali l'ecologia e la natura del paesaggio bergamasco.
Il museo trova la sua naturale collocazione all'interno del castello Giovanelli, un maniero di origine medievale successivamente rimaneggiato e trasformato in abitazione ad uso civile alla fine del '500. L'obiettivo principalmente perseguito e positivamente portato a termine era quello di evitare la dispersione del patrimonio artistico di Meli, che sarebbe potuto inevitabilmente succedere anche a causa della mancanza di eredi. L'amministrazione comunale propose allo scultore di donare le sue opere alla struttura museale, appositamente creata a questo scopo, che oggi le conserva: si tratta di 220 opere, che seguono un percorso espositivo che le mette in rapporto con opere di artisti avanguardisti quali Richter, Valenti ed il dadaista tedesco Hans Arp.
 
L'Associazione Amici del Museo è molto attiva nell'organizzazione periodica di corsi che hanno come obiettivo la diffusione della conoscenza delle discipline artistiche e nella promozione di mostre temporanee di artisti locali. Inoltre, molta attenzione è rivolta alle scuole, ed in particolare il progetto denominato "Arte per la scuola" prevede laboratori creativi per ragazzi dalla scuola dell' infanzia alle superiori. L'obiettivo precipuo del Museo d'arte contemporanea Donazione Meli è quello di diffondere la sensibilità per l'arte di Alberto Meli, l'attaccamento che ha testimoniato per le proprie radici culturali attraverso l'arte che ha prodotto lungo tutta la sua vita.
La visione di ciò che Alberto Meli ha realizzato, non si esaurisce all' interno del contesto museale ma, continua all'interno del paese di Luzzana: il Comune e la chiesa parrocchiale ospitano le sue opere strettamente legate al territorio in modo tale che quest'ultimo a sua volta possa rimanere intrinsecamente congiunto all'artista.

Ulteriori Immagini

Ingresso del Museo
Ingresso del Museo

Accanto alla porta d' ingresso vi è la scultura lignea Mosè di A. Meli. 
L'originale è custodito all'interno della chiesa parrocchiale di Zogno.

Museo-particolare sala interna
Museo-particolare sala interna

In questa sala troviamo sculture lignee dedicate al mondo animale e alla natura, della quale ha sempre voluto incoraggarne il rispetto da parte dell' uomo.

Museo-Sala interna
Museo-Sala interna

In questa sala vi sono sculture che hanno come tematica la sofferenza dell' umanità.
Il soggetto del Cristo crocifisso fu riproposto dall' artista attraverso modalità differenti di rappresentazione, durante il corso di tutta la sua carriera artistica.

Museo-sala interna
Museo-sala interna

In corrispondenza della parete di fondo della sala, vi è la scultura di A.Meli nella quale egli rappresenta un giovane prigioniero della materia, allusione alla consapevolezza dell'uomo di essere l' artefice della distruzione progressiva del pianeta.
Inoltre possiamo trovare alcune sculture di Hans Jean Arp.



Potrebbe anche interessarti

  • La moda incontra il surrealismo di Ignasi Monreal
    La moda incontra il surrealismo di Ignasi Monreal

    (07-05-2018) - Articolo

    Una villa di delizia locale: Palazzo Visconti di Brignano Gera d'Adda
    Una villa di delizia locale: Palazzo Visconti di Brignano Gera d'Adda

    (17-07-2017) - Articolo

    Novità! I punti di interesse storico- artistico
    Novità! I punti di interesse storico- artistico

    (22-09-2016) - Articolo

    Dal cielo alla terra. Da Michelangelo a Caravaggio, il Tesoro d'Italia III
    Dal cielo alla terra. Da Michelangelo a Caravaggio, il Tesoro d'Italia III

    (09-06-2016) - Articolo

  • Le Meraviglie dell'ARTE con una APP
    Le Meraviglie dell'ARTE con una APP

    (30-10-2015) - Articolo

    LA NUOVA ACCADEMIA CARRARA
    LA NUOVA ACCADEMIA CARRARA

    (10-06-2015) - Articolo

    L'ACCADEMIA CARRARA DI BERGAMO
    L'ACCADEMIA CARRARA DI BERGAMO

    (05-08-2014) - Articolo

    Picasso, De Chirico, Morandi
    Picasso, De Chirico, Morandi

    (09-05-2018) - Recensione
    Brescia, Palazzo Martinengo

  • Luo Li Rong
    Luo Li Rong

    (17-04-2018) - Artista

    Raffaello e l'eco del mito
    Raffaello e l'eco del mito

    (19-03-2018) - Recensione
    GAMeC, Bergamo

    Esposizione della scultura
    Esposizione della scultura "Serendipity"

    (09-03-2018) - Evento
    Chiostro di Santa Marta, Ubi Banca Bergamo

    Cristo Redentore Benedicente
    Cristo Redentore Benedicente

    (20-01-2018) - Opera

  • Dentro Caravaggio
    Dentro Caravaggio

    (13-01-2018) - Recensione
    Palazzo Reale, Milano

    Lorenzo Lotto. I capolavori della Santa Casa di Loreto
    Lorenzo Lotto. I capolavori della Santa Casa di Loreto

    (26-10-2017) - Recensione
    Bergamo, Palazzo Creberg

    Da Hayez a Boldini
    Da Hayez a Boldini

    (03-04-2017) - Recensione
    Palazzo Martinengo, Brescia

    Celebrazioni per i duecento anni dalla morte di Giacomo Quarenghi
    Celebrazioni per i duecento anni dalla morte di Giacomo Quarenghi

    (08-03-2017) - Evento
    Biblioteca Civica Angelo Mai



Commenti: 2

  • Veramente bello il museo, specialmente la mostra di sculture di legno nella stanza accanto

  • Ciao Ruben concordo pienamente. Il museo Donazione Meli è un importante testimonianza artistica del nostro territorio spesso poco valorizzato.







Lascia un commento

Dichiaro di accettare la Privacy Policy